Google si trasforma: da Mobile-Friendly diventa Mobile-Only

Torna a Blog
Google: Mobile-Friendly

Google si trasforma: da Mobile-Friendly diventa Mobile-Only

A partire da marzo 2021 Google diventa Mobile-Only

Il Senior Webmaster Trends Analyst di Google, John Mueller, ha recentemente annunciato un cambiamento importante che coinvolge l’intero settore della SEO: i siti desktop saranno eliminati dall’indicizzazione del motore di ricerca. La deadline? Marzo 2021.

La società si modifica costantemente e Internet cerca di tenere il passo: sono in continuo aumento le persone che navigano sul web utilizzando quasi esclusivamente i dispositivi mobile. É così nata l’esigenza per i motori di ricerca, Google in primis, di indicizzare i contenuti dando priorità alle versioni mobile dei siti.
In passato l’indice utilizzava principalmente, e si può dire quasi esclusivamente, la versione desktop dei website. Da luglio 2019 Google ha dato inizio a un processo che ha l’obiettivo di mettere in evidenza i siti Mobile-Friendly, i cui i contenuti sono facilmente fruibili dallo smartphone.

Chi si occupa di User Experience e di SEO è consapevole dell’importanza di progettare e realizzare siti web fruibili direttamente da dispositivo mobile. Vengono seguite diverse linee guida importanti dall’algoritmo Google Mobile-Friendly:

  • scegliere un device dominante, che si ipotizza essere quello maggiormente utilizzato dagli utenti in target.
  • lavorare sui dettagli, considerando che oggi la tendenza di design è “less is more”. Sono preferibili siti minimal.
  • inserire elementi grafici funzionali, che non rechino problemi di cliccabilità.
  • considerare che la tendenza attuale degli utenti è di leggere i testi parzialmente e non interamente: “scan not read”.




La novità: Google Mobile First Index

Come dicevamo, Mueller ha preannunciato una importante novità che coinvolgerà l’intero settore. Se la tendenza era di dare priorità ai contenuti mobile, da marzo 2021 questi diventeranno gli unici indicizzati dal motore di ricerca.
Le pagine e le immagini che si trovano solo in versione desktop di un sito, che non sono quindi pensate per i dispositivi mobile, non saranno considerate da Google, che provvederà a rimuoverle dal suo indice.

Questa importante novità, come tutti cambiamenti che avvengono in rete ma non solo, comporta che i professionisti del settore si adeguino. Non bisogna farsi trovare impreparati, ma studiare delle nuove strategie per realizzare dei prodotti digitali vincenti.


Cerchi la soluzione SEO adatta alla tua attività?





FONTE: Google Mobile First Index – Zero Desktop Content March 2021

Condividi questo post

Torna a Blog

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al suo funzionamento, se vuoi saperne di più consulta la Cookie policy. Se invece vuoi negare il consenso a tutti i cookie non necessari, clicca su “Mantieni disabilitati”.